Login
◀ torna alla mappa

Comune di Trento | CAP: 38122

VEDI I RISULTATI
Concluso il 24/06/2015

2015-WTW-38122-00008

PROMOTORE: Altroconsumo

PACCHETTO ANALISI DI BASE

Durezza, Conducibilità e Nitrati
  • Ecco i sostenitori di questo test

    Durezza + Conducibilità + Nitrati

    Ti permette di avere un’idea generale sulla qualità dell’acqua, evidenziando possibili problemi sui quali è meglio approfondire con altre analisi. Comprende analisi per determinare: il grado di durrezza dell'acqua; la quantità di sali minerali disciolti; il contenuto di nitrati (che possono essere pericolosi per donne in gravidanza e neonati).
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Arsenico + Piombo

    Arsenico: L'arsenico è un metallo tossico presente naturalmente in alcune zone d'Italia (Toscana, Lazio, Umbria, Trentino Alto-Adige, Lombardia) o dovuto a contaminazione industriale o smaltimento di rifiuti pericolosi.
    Piombo: La presenza di piombo, un metallo tossico, può dipendere da vecchie tubature, soprattutto se l’acqua ha bassa durezza e basso residuo fisso.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    pH + Residuo fisso + Ossidabilità

    Comprende analisi utili per conoscere: il grado di acidità dell'acqua (pH) e di mineralizzazione, che dipende dal contenuto di sali minerali totali (residuo fisso), oltre all'eventuale presenza di sostanze organiche tipiche di scarichi fognari o contaminazione agricola.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Calcio + Magnesio

    La loro presenza dipende dalla composizione delle rocce che l’acqua attraversa. Il calcio è indispensabile per denti e ossa, soprattutto per donne in gravidanza, bambini in fase di crescita, anziani. Il magnesio può influire su sapore e odore dell'acqua o lasciare depositi scuri.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Sodio + Potassio

    Sodio: É utile conoscere il contenuto nell'acqua di sodio se segui una dieta iposodica o vivi vicino ad aree marine.
    Potassio: Il potassio è un elemento di origine naturale, indispensabile per l'organismo.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Solfati + Cloruri

    Possono essere di origine naturale oppure sintomo di inquinamento da scarichi. Sono sostanze che influiscono principalmente sul sapore e odore dell'acqua e sulla formazione di aloni bianchi su stoviglie e nel lavello.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Cromo + Cromo esavalente

    Cromo: L'analisi identifica il contenuto complessivo di cromo nell'acqua, un metallo molto pericoloso la cui presenza dipende da inquinamento industriale.
    Cromo esavalente: Il cromo esavalente è la forma di cromo più pericolosa che si può trovare nelle acque, da ricercare con un'analisi specifica.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Cadmio + Mercurio

    Cadmio: Il cadmio è un metallo tossico, la cui presenza nell'acqua può essere sintomo di inquinamento industriale.
    Mercurio: La contaminazione dell'acqua da mercurio, molto tossico, deriva principalmente dagli scarti di lavorazione industriale.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Nichel + Zinco

    Nichel: La presenza di nichel può dipendere da valvole e tubature in acciaio inox dell'impianto idrosanitario o dalla presenza di impianti industriali.
    Zinco: La presenza di zinco può essere dovuta a inquinamento industriale o rilasci da valvole zincate dell’impianto idrosanitario.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Alluminio + Cloriti

    Alluminio : La presenza di alluminio, un metallo potenzialmente pericoloso, può derivare da trattamenti di potabilizzazione delle acque superficiali (fiumi, laghi).
    Cloriti (ione clorito): La presenza di cloriti, dovuti all’uso di biossido di cloro come disinfettante, influisce sul sapore e odore dell'acqua.
    Grazie a:
    Altroconsumo

    Fluoruri + Vanadio

    Fluoruri: Di origine naturale, ne sono ricche le aree di origine vulcanica. Indispensabile per l'organismo (costituisce le ossa e i denti), è da tenere sotto controllo in presenza di lattanti o bambini.
    Vanadio: Il vanadio, un metallo che può essere pericoloso, può derivare principalmente dalla presenza di industrie metallurgiche.
    Grazie a:
    Altroconsumo
  • Ecco le analisi.
    Limite di legge

    Durezza (unità di misura °F)

    Indica il contenuto di calcio e magnesio e determina la classificazione delle acque da dolci (<15 F°) a dure (>30 F°). L'acqua dura non provoca problemi di salute a persone sane, ma può avere un cattivo sapore.
    24.3

    Nitrati (ione nitrato) (unità di misura mg/L)

    La loro presenza nell'acqua è dovuta principalmente ad attività umane, mentre gli apporti naturali sono molto modesti. E' da tenere sotto controllo soprattutto in presenza di neonati e donne in gravidanza.
    8.2
    limite di legge 50

    pH (unità di misura unità pH)

    Comprende analisi utili per conoscere: il grado di acidità dell'acqua (pH) e di mineralizzazione, che dipende dal contenuto di sali minerali totali (residuo fisso), oltre all'eventuale presenza di sostanze organiche tipiche di scarichi fognari o contaminazione agricola.
    7.85

    Residuo secco a 180 °C (unità di misura mg/L)

    Indica la quantità dei sali totali disciolti nell’acqua (mineralizzazione). Di norma le acque del rubinetto non superano i 500 mg/L, che corrisponde alla definizione di acqua “oligominerale” nella classificazione usata per le acque minerali.
    3.14
    limite di legge 1500

    Ossidabilità (come O2) (unità di misura mg/L)

    Indica l'eventuale presenza di sostanze organiche, tipiche di scarichi fognari o contaminazione agricola.
    0.5
    limite di legge 5

    Solfati (ione solfato) (unità di misura mg/L)

    Possono essere di origine naturale o sintomo di inquinamento da scarichi. Influiscono principalmente sul sapore e odore dell'acqua e possono formare aloni bianchi su stoviglie e nel lavello.
    70.1
    limite di legge 250

    Cloruri (ione cloruro) (unità di misura mg/L)

    Possono essere di origine naturale o sintomo di inquinamento da scarichi industriali e urbani. L'effetto negativo principale è sul sapore dell'acqua e sulla formazione di aloni bianchi su stoviglie e nel lavello.
    14.3
    limite di legge 250

    Sodio (unità di misura mg/L)

    É utile conoscere il contenuto nell''acqua di sodio se segui una dieta iposodica o vivi vicino ad aree marine.
    7.49
    limite di legge 200

    Ferro (unità di misura mg/L)

    L'apporto di ferro può essere naturale o dovuto a corrosione di vecchie tubature. Può influire su sapore, odore e colore dell'acqua.
    5
    limite di legge 200

    Manganese (unità di misura µg/L)

    Il manganese deriva dalle rocce che l'acqua attraversa e può dare all'acqua cattivo sapore e odore.
    0.2
    limite di legge 50

    Fluoruri (ione fluoruro) (unità di misura mg/L)

    Di origine naturale, ne sono ricche le aree di origine vulcanica. Indispensabile per l'organismo (costituisce le ossa e i denti), è da tenere sotto controllo in presenza di lattanti o bambini.
    0.19
    limite di legge 1.5

    Cloriti (ione clorito) (unità di misura µg/L)

    La presenza di cloriti, dovuti all’uso di biossido di cloro come disinfettante, influisce sul sapore e odore dell'acqua.
    100
    limite di legge 700

    Alluminio (unità di misura µg/L)

    La presenza di alluminio, un metallo potenzialmente pericoloso, può derivare da trattamenti di potabilizzazione delle acque superficiali (fiumi, laghi).
    0.1
    limite di legge 200

    Arsenico (unità di misura µg/L)

    L'arsenico è un metallo tossico presente naturalmente in alcune zone d'Italia (Toscana, Lazio, Umbria, Trentino Alto-Adige, Lombardia) o dovuto a contaminazione industriale o smaltimento di rifiuti pericolosi.
    4.5
    limite di legge 10

    Cadmio (unità di misura µg/L)

    Il cadmio è un metallo tossico, la cui presenza nell'acqua può essere sintomo di inquinamento industriale.
    0.1
    limite di legge 5

    Cromo esavalente (unità di misura µg/L)

    Il cromo esavalente è la forma di cromo più pericolosa che si può trovare nelle acque, da ricercare con un'analisi specifica.
    0.5

    Nichel (unità di misura µg/L)

    La presenza di nichel può dipendere da valvole e tubature in acciaio inox dell''impianto idrosanitario o dalla presenza di impianti industriali.
    0.1
    limite di legge 20

    Piombo (unità di misura µg/L)

    La presenza di piombo, un metallo tossico, può dipendere da vecchie tubature, soprattutto se l’acqua ha bassa durezza e basso residuo fisso.
    0.1
    limite di legge 10

    Zinco (unità di misura µg/L)

    La presenza di zinco può essere dovuta a inquinamento industriale o rilasci da valvole zincate dell’impianto idrosanitario.
    1.1

    Sommatoria organoalogenati (A, B) (unità di misura µg/L)

    La loro presenza, che è sintomo di inquinamento da solventi industriali, è un problema caratteristico di grandi centri urbani, in particolare nel nord-est d’Italia. La legge fissa un limite massimo per la somma di tetracloetilene e tricloroetilene.
    0.1
    limite di legge 10

    Tetracloroetilene (A) (unità di misura µg/L)

    É utilizzato come solvente per lo sgrassaggio, la pulitura di parti metalliche o la pulitura a secco di tessuti. E' un possibile cancerogeno. I prodotti domestici che lo contengono non devono essere smaltiti in fognatura.
    0.1

    Tricloroetilene (B) (unità di misura µg/L)

    Noto anche col nome commerciale di trielina, è un prodotto sintetico utilizzato come solvente industriale. É un sospetto cancerogeno.
    0.1

    Sommatoria trialometani (C, D, E, F) (unità di misura µg/L)

    Sono sottoprodotti della disinfezione delle acque dovuti all'uso di disinfettanti clorurarti. Si sospetta siano dannosi per l'uomo e cancerogeni. La legge fissa un limite massimo relativo alla somma di quattro di queste sostanze.
    0.1
    limite di legge 30

    Cloroformio (C) (unità di misura µg/L)

    Si può formare durante la reazione fra cloro, contenuto nei disinfettanti clorurati, e l'eventuale materia organica contenuta nell'acqua.
    0.05

    Bromoformio (D) (unità di misura µg/L)

    Si può formare durante la reazione fra cloro, contenuto nei disinfettanti clorurati, e l'eventuale materia organica contenuta nell'acqua.
    0.01

    Dibromoclorometano (E) (unità di misura µg/L)

    Si può formare durante la reazione fra cloro, contenuto nei disinfettanti clorurati, e l'eventuale materia organica contenuta nell'acqua.
    0.01

    Bromodiclorometano (F) (unità di misura µg/L)

    Si può formare durante la reazione fra cloro, contenuto nei disinfettanti clorurati, e l'eventuale materia organica contenuta nell'acqua.
    0.03

    LEGENDA

    U.M.   = unità di misura 

    °F = gradi francesi

    mg/L = milligrammi per litro

    µg/L = microgrammi per litro

    µS/cm = mcroSiemens per centimetro

    fibre/L =  fibre per litro

    U.F.C. = Unità Formanti Colonia

Questo sito utilizza dei cookies per garantire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a navigare su questo sito, dichiari di accettare questi cookies. Altre informazioni sulla nostra privacy policy.
OK